Home » Blog » Le 4 cose da considerare prima di ristrutturare un tetto

Le 4 cose da considerare prima di ristrutturare un tetto

Il tetto di una casa è indubbiamente una delle componenti più importanti dell’immobile, rappresenta infatti l’ovvia barriera a tutela delle abitazioni delle infiltrazioni di umidità e acqua, nel caso di condizioni climatiche sfavorevoli agli edifici come pioggia, grandine, neve, vento, come anche un eccesso di calore e sole.
Quando il materiale del nostro tetto ha problemi di impermeabilizzazione o isolamento si creano una serie di problemi che, a lungo andare, rendono l’ambiente domestico assolutamente invivibile: umidità e acqua possono formare condensa e muffa, peggiorando le condizioni di salubrità dell’aria, ma non solo, perché le infiltrazioni che provengono dal tetto possono compromettere anche la struttura intera della casa, rendendo precaria anche la stessa abitazione. Ecco allora perché la ristrutturazione di un tetto rappresenta una componente cruciale per il mantenimento, la funzionalità e la valorizzazione di un immobile.
Pur tuttavia sono tanti i dubbi e le domande che si generano in occasione di questa tipologia di lavoro edile, soprattutto per via dei costi, che tante volte scoraggiano i proprietari di case dall’affrontare il problema del tetto in maniera definitiva. Ma quali sono i passaggi fondamentali da ragionare, prima di intraprendere questa attività di rifacimento tetto? Vediamolo qui nel nostro blog più nel dettaglio , così da poter fornire una guida  su ciò che è necessario considerare prima di intraprendere un tale progetto, per assicurarsi che sia eseguito nel modo più efficiente e vantaggioso possibile.

Primo punto: la condizione di partenza del tetto

Come è messo il vostro tetto? Prima di intraprendere una ristrutturazione dei tetti, un primo passaggio che va fatto è quello di osservare con attenzione lo stato di partenza della posa della vostra copertura. Chiaramente ci saranno aspetti che potrete osservare voi stessi, mentre per altri punti va fatta un’accurata diagnosi delle condizioni di posa di partenza, identificando eventuali problemi esistenti, come infiltrazioni d’acqua, isolamento scadente o assente, deterioramento dei materiali in legno, danni strutturali, che possono essere colti però solo da una impresa edile specializzata. Un’azienda competente sarà in grado di esaminare tutte le componenti della copertura e qualsiasi altra parte integrante del “sistema tetto”.
Dalla valutazione di partenza è possibile dare una specifica spiegazione del danno specifico, perché le infiltrazioni d’acqua possono essere causate da una varietà di problemi, come il deterioramento o la rottura dei materiali di copertura, l’inefficacia dei sistemi di drenaggio, o problemi con la barriera impermeabile del tetto. Ognuna di queste questioni richiederebbe una soluzione diversa, e identificare la causa specifica dell’infiltrazione d’acqua è fondamentale per risolverla efficacemente.

Saltare questa fase della diagnosi accurata vuol dire trascurare una parte importante della pianificazione, punto di partenza per ogni attività o progetto di rifacimento, perché solo così è possibile capire esattamente il tipo di intervento, i materiali, i tempi e anche i costi relativi

Secondo punto: la scelta dei materiali per il tetto

Una volta che si è effettuata una accurata analisi di partenza è possibile avere chiari gli aspetti del rifacimento, compresi i materiali giusti i uso da utilizzare per la copertura migliore del tetto, della mansarda e del sottotetto, per avere una resa di estetica e di durata ottimale nello spazio, nel tempo soprattutto, così da offrire la più adeguata soluzione a protezione dell’intera casa. Le opzioni più comuni generalmente utilizzate per una abitazione includono coppi, tegole di asfalto, tegole in terracotta, tegole in cemento, metallo, legno, ardesia, e molto altro.
Ogni materiale, compreso quello che va per lo strato del sottotetto, ha sue proprietà e caratteristiche e la scelta di uno strato piuttosto che di un altro dipende da una varietà di fattori, tra cui gli obiettivi di rifacimento, il clima, lo stile architettonico della casa e il budget disponibile.
Le tegole di asfalto, per esempio, sono molto versatili, di facile installazione per la copertura di una casa e hanno un costo alquanto accessibile, ma non sono eccessivamente resistenti, mentre quelle in terracotta offrono un aspetto estetico distintivo e una durata eccezionale, ma possono essere costose e pesanti, richiedendo una struttura del tetto robusta per supportarle.
La scelta dei materiali va pertanto effettuata anche in base al clima della zona, l’architettura della casa, i costi per quanto riguarda il budget disponibile e le preferenze personali, risultando molto importante non solo perché influenzano l’estetica di un edificio e nel caso di una costruzione, ma sono in grado di avere un peso importante anche sulla funzionalità, la durata del tetto, l’efficienza energetica della casa e non per ultimo il costo totale per gli investimenti dei rifacimenti che concernono il progetto.

Terzo punto: aspetti legali e permessi prima di ristrutturare il tetto

Il rifacimento del tetto non è semplicemente, però, solo una questione di coperture tecniche, materiali o di gusto personale, perché è importante valutare anche gli aspetti legali e le coperture normative che sottendono tutto il processo di ristrutturazione. Per ristrutturare un immobile, come anche per edificarne uno nuovo da zero, ad esempio è necessario richiedere e ottenere da parte comune di appartenenza, o all’ente edilizio di competenza, un progetto attraverso la preparazione di una documentazione idonea al caso, da allegare alla presentazione di un piano ben dettagliato dei lavori, con la richiesta di un permesso edilizio necessario e la necessità di ottenere conformità  legislativa attenzionando eventuali restrizioni o possibilità edili. Proprio per questo una ristrutturazione non è una attività che può essere data per scontata, e può comportare la determinazione di un processo complesso che richiede tempo, pazienza e tanta competenza in materia legale di edilizia. Non sempre tra l’alto vigono stessi permessi o restrizioni, ma questi cambiano al variare della zona in cui si vive, o in base al tipo di edificio e del tipo di ristrutturazione. Un esempio potrebbe essere il fatto che il rifacimento del tetto può molto cambiare se la proprietà si trova in una zona storica o in un’area di conservazione, dove potrebbero vigere restrizioni sul tipo di materiali da poter usare o sulle modifiche da poter apportare all’aspetto originario del tetto.

Per altro ignorare questi elementi normativi può portare a conseguenze legali significative, tra cui multe pesanti, ritardi nei lavori o, in alcuni casi, l’obbligo di rimuovere o modificare i lavori dei tetti seppur completati. Pertanto tranne che non siate voi stessi del settore, o esperti della materia, è importante è affidarsi alla competenza di società o imprese edili che sappiano supportare la realizzazione di un progetto di ristrutturazione tetti delle case comprende anche questi aspetti legali, e per niente secondari.

Quarto punto: la scelta dell’impresa edile per ristrutturare il tetto

Closeup of a Male Worker Focused on a Careful Application of the Blue Painter’s Tape to the Roof Window. The Process of Preparing a Room for Painting Walls. Interior Renovation Work.

Ultimo punto, ma non per questo meno importante, anzi, è la scelta di un’impresa edile affidabile e competente per il progetto di intervento di rifacimento del tetto, collaborazione che può generare un processo di intervento fluido, senza intoppi e senza problemi o ritardi, né sorprese.
Quando si trova un partner per gli interventi di ristrutturazione del tetto, esperto e affidabile, non solo si avrà la certezza di un lavoro eseguito secondo i più alti standard di qualità, ma si riceveranno anche consigli preziosi, per gestire eventuali problemi che possono sorgere durante il processo.

Ma quali sono i requisiti da considerare per avere modo di selezionare l’impresa edile giusta a cui affidare il progetto che riguarda il vostro tetto?
Beh, in qualche modo in primo luogo è utile valutare l’esperienza e la competenza dell’impresa, e a tal proposito si potrebbe chiedere alla nostra possibile scelta un portfolio dei lavori realizzati e, se possibile, non sarebbe neanche male parlare con i clienti precedenti per capire meglio la loro esperienza di lavoro con l’impresa e magari anche il loro punto di vista sulla resa della copertura utilizzata.
Vanno poi verificate le licenze, le certificazioni e le assicurazioni di cui è dotata l’impresa, cosa che proteggerà tutti anche in caso di problemi o incidenti nel corso dei lavori.
Anche referenze e reputazioni sono parametri attraverso cui poter effettuare una scelta, a patto che siano feedback reali. Fare ricerche online o parlare con amici, parenti o conoscenti è una cosa che potrà instradare su questo aspetto, controllando il grado di apprezzamento o di lamentele che hanno come protagonista la ditta di ristrutturazione
Valutate anche la possibilità di farvi visionare preventivi passati prodotti in passato per altri, così da analizzare prezzi, materiali, tempi e eventuali ulteriori dettagli che possano agevolare la vostra scelta.
Inoltre  scegliete un partner capace di saper comunicare con voi durante tutto il processo di ristrutturazione del tetto, così da corrispondere a tutte le vostre domande e risolvendo eventuali preoccupazioni che potreste avere.

Servizi di ristrutturazione a Catania o provincia, RG2 Costruzioni saprà essere per voi il partner ideale nella ristrutturazione del tetto della vostra casa e saprà seguirvi in ogni fase della ristrutturazione, dalla analisi accurata dello stato di partenza, fino alla scelta dei materiali e alla presentazione della documentazione adeguata alle normative vigenti, oltre a potervi dare tutti i migliori consigli per avere un eccellente risultato. Non esitate a contattare RG2 Costruzioni per avere maggiori informazioni o per richiedere un preventivo ristrutturazione gratuito: saremo felici di esservi utili.

TI È PIACIUTO? CONDIVIDILO:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email

Approfondisci leggendo anche: