Home » Blog » Come risparmiare sui costi di ristrutturazione del bagno: 7 imperdibili consigli

Come risparmiare sui costi di ristrutturazione del bagno: 7 imperdibili consigli

È finalmente arrivato il momento di dire addio a quel vecchio bagno con i sanitari ingialliti, le piastrelle spezzate e la doccia che perde? Il bagno è indubbiamente una tra le stanze più importanti della casa, un ambiente dove non solo si svolgono le quotidiane attività igieniche, ma anche un modo per rilassarsi e ricaricarsi, magari dentro una vasca da bagno piena di profumatissime bolle di sapone. “rinnovare il suo look” non è soltanto un modo per migliorare l’estetica dello spazio e la funzionalità dei sanitari, ma rappresenta anche un investimento importante, capace di aumentare il valore dell’immobile stesso.

Ma è pur vero che ristrutturare un bagno può rappresentare un grande peso economico. I costi possono aumentare rapidamente, e quello che all’inizio sembrava un progetto entusiasmante può trasformarsi in una fonte di preoccupazione e stress 😵‍💫.
Capita spesso che il budget disponibile ci costringa a rinunciare a qualche elemento che avremmo desiderato inserire nel nostro nuovo bagno.
Ecco allora perché abbiamo deciso di dedicare il  nostro articolo a questo argomento, sperando di potervi essere utili nel fornire rapidi e veloci consigli pratici, per ridurre i costi di ristrutturazione, senza dover scegliere tra qualità e design o risparmio e un doversi accontentare. 

1. Scegli materiali convenienti e di qualità per la ristrutturazione bagno

La scelta dei materiali adeguati è una decisione molto importante che può avere un impatto significativo sul costo totale del progetto. È importante considerare non solo il prezzo dei materiali, ma anche la loro durata e la loro qualità.
Ci sono molte idee e opzioni disponibili sul mercato e, a volte, può essere davvero molto difficile sapere quali scegliere. Ma prima che ci si lasci prendere dallo sconforto e dalla confusione, probabilmente una buona norma può essere quella di fare una lista di tutti i materiali di cui si ha bisogno. È importante inserire nella lista non solo i grandi lavori di ristrutturazione come il pavimento, i rivestimenti delle pareti, gli impianti, la vasca da bagno, la doccia o il lavandino, ma anche i dettagli più piccoli come i rubinetti, gli accessori e le piastrelle.
Una volta che ha una lista completa, bisogna iniziare a cercare le migliori offerte sui materiali che ti servono. Ci sono molte aziende online, e non, che offrono sconti sui loro prodotti ed è facile trovare un buonissimo affare.

Ristrutturare un bagno è impegnativo, è vero, ma una riflessione è però d’obbligo: se è vero che la tentazione (ovvia) è quella di provare ad acquistare il materiale meno costoso disponibile, è meglio orientarsi sempre su prodotti e articoli di alta qualità. In questo modo vi eviterete di correre ai ripari per un lavoro che potrebbe risultare comunque non ottimale e non duraturo per il vostro ambiente.
I materiali troppo economici per la ristrutturazione del bagno potrebbero non solo durare poco o richiedere riparazioni o sostituzioni costose continuamente, ma avere un impatto negativo sull’aspetto estetico del bagno e persino sull’ambiente e sul portafoglio! Materiali ecologici, infatti, come i sanitari ad alta efficienza o le piastrelle riciclate possono ridurre il consumo di acqua ed energia nel tuo bagno, contribuendo a ridurre anche le bollette.


Risparmiare sui materiali sì, ma solo dove è possibile, senza compromettere la qualità, lo stile e la resa. Potreste ad esempio optare per  degli accessori più minimalisti e semplici… beh, sembra un piccolo risparmio… ma è davvero meglio piuttosto che acquistare una lavabo scadente!

2. Valuta di riutilizzare elementi esistenti per ristrutturare un bagno

Se desideri ottimizzare le tue spese piuttosto che ristrutturare il bagno interamente, potresti valutare l’opportunità di dare un tocco creativo e riutilizzare gli elementi esistenti per la ristrutturazione. Per esempio, prima di procedere a smontare il pavimento e dismettere tutto l’arredo e gli accessori, potresti verificare se alcuni di essi possano essere semplicemente rimessi a nuovo o riparati, senza dover essere sostituiti del tutto con nuovi elementi. Beh, considerato tra l’altro come si sta muovendo tutto il settore dell’arredamento e tutto l’interesse mostrato da interior designer e architetti sullo stile “vintage” e sulle tendenze “shabby”, un tentativo va fatto 😉!

In questo modo, magari, si potranno evitare i costi relativi all’acquisto di nuovi prodotti e tutelare il budget per la loro installazione. Facciamo un esempio: la vostra vasca da bagno è praticamente ancora bella e smaltata, ma solo alcuni componenti sono usurati o danneggiati, come la rubinetteria o il gancio per la doccia? In questo caso si potrebbe semplicemente pensare ad un suo restyling e sostituire i componenti usurati, senza dover rimpiazzare l’intera vasca. Le idee non mancano certamente!
Se invece la vasca si presenta in un pessimo stato, ma il problema riguarda solo il rivestimento, una soluzione potrebbe essere quella di sostituire solo un parte, come l’esterno della vasca, mediante l’applicazione di un rivestimento in resina o simili.
Anche gli armadietti sotto il lavabo possono essere un elemento da riutilizzare: se gli sportelli sono ancora funzionanti e presentano solo qualche graffio o segno del tempo, si potrebbero semplicemente verniciare o coprire con una pellicola adesiva decorativa.
Ma anche la stessa rubinetteria può essere aggiornata con piccoli accorgimenti, come ad esempio sostituire le manopole con altre più moderne, oppure applicare una vernice spray per dargli un nuovo look.
In questo modo, inoltre, si potrebbe non solo recuperare una parte dei costi relativi all’acquisto degli elementi, ma si darebbe anche una seconda vita ad oggetti che altrimenti sarebbero finiti in discarica, riducendo così l’impatto ambientale. Piccoli trucchi di ristrutturazione per rifare un bagno, riducendo le spese!

3. Confronta preventivi e seleziona esperti affidabili per la ristrutturazione bagno

Ma se l’estetica e la funzionalità del tuo bagno non possono venire risolte neppure dal tuo estro e dalla tua buona volontà, è bene in questo caso, se devi ristrutturare il bagno, avvalerti dei buoni consigli e della professionalità di una ditta specializzata in ristrutturazione del bagno, che goda di tutte le competenze necessarie.
Prima cosa è importante chiedere non meno di tre diversi preventivi da parte di diversi professionisti del settore. In questo modo, si avrà una visione più chiara dei costi e delle opzioni disponibili, e sarà possibile valutare se ci sono differenze significative tra i vari preventivi.
Una volta ottenuti i preventivi, dalla migliore impresa edile, è importante analizzare con attenzione ogni dettaglio per la ristrutturazione bagno. Ci possono essere voci che non sono state prese in considerazione da alcuni professionisti, o che hanno un costo maggiore rispetto ad altri. Ad esempio, potrebbe essere necessario installare nuove tubature o sostituire l’impianto di riscaldamento e questi costi dovrebbero essere inclusi nei preventivi.
Inoltre, è sempre importante valutare la qualità dei materiali proposti e verificare se gli esperti scelti sono in grado di fornire garanzie sul lavoro svolto. Se possibile, conviene chiedere dei riferimenti ai clienti precedenti e contattarli per avere un’opinione sulla resa del lavoro svolto e sulla professionalità dei professionisti.
Sé è il caso di ristrutturare il bagno, oltre a confrontare i preventivi, potrebbe essere strategico anche scegliere la stagione giusta per farlo: nei mesi invernali, ad esempio, potrebbe esserci una maggiore disponibilità di personale specializzato del settore e quindi i prezzi potrebbero essere anche probabilmente più contenuti. In questo modo si potrebbe anche ottimizzare il budget per il vostro progetto.

4. Ristrutturare il bagno: pianifica accuratamente i lavori per evitare sorprese in corso d’opera

Quando ci si prepara alla ristrutturazione bagno si è spesso tentati di cambiare praticamente tutto, in maniera radicale, (anche in casa) ma è sempre meglio valutare con massima attenzione e lucidità quali interventi siano realmente fondamentali e quali, invece, possono essere evitati, proprio rispettando una volontà di risparmio.
La pianificazione accurata dei lavori è allora fondamentale, proprio per evitare sorprese in corso d’opera e calcolare i costi di ristrutturazione del bagno. Prima di iniziare i lavori è importante mettere a punto un piano dettagliato, che preveda tutte le fasi necessarie per completare il lavoro. In primo luogo, è importante valutare lo stato attuale di partenza del e quando è necessario ristrutturare il bagno.
Una volta che ci si è focalizzati su cosa fare necessariamente, è importante definire un budget preciso e realistico, così da poter anche trovare un equilibrio possibile  tra la qualità dei materiali e la spesa prevista. A questo punto sarà possibile procedere con l’acquisto dei materiali e l’inizio dei lavori.
È importante seguire scrupolosamente il piano e non deviare dalle scelte fatte in fase di progettazione, in quanto ogni deviazione, infatti, può comportare ulteriori costi e problemi.
Un consiglio è poi quello di affidarsi a personale esperto e qualificato, oltre che di fiducia, in grado di garantire un lavoro di qualità e nei tempi stabilità. 

5. Investi in soluzioni eco-compatibili ed efficienti dal punto di vista energetico per la tua ristrutturazione

Come già anticipato qualche paragrafo sopra, investire per la ristrutturazione bagno in soluzioni eco-compatibili ed efficienti dal punto di vista energetico è una scelta premiante per il risparmio in bolletta oltre che una tutela per l’ambiente.

Le nuove tecnologie disponibili sul mercato consentono di utilizzare l’acqua in modo più efficiente ed effettuare la pulizia in modo più sostenibile. Inoltre, le soluzioni eco-compatibili hanno spesso costi di gestione inferiori rispetto a quelle tradizionali. Un esempio di questo tipo di soluzioni è la scelta dei nuovi rubinetti con limitatore di flusso, che riducono il consumo di acqua fino al 50% rispetto ai tradizionali.
Si può anche optare per un “impianto solare termico“, attualmente una delle tecnologie maggiormente avanzate ed eco-sostenibili per il riscaldamento dell’acqua, così come possibilmente valutare anche altre fonti come i pannelli fotovoltaici per produrre energia elettrica per il bagno e per tutto il resto della casa.

6. Approfitta delle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione bagno

A mother talking with little son in bathroom at home.

Forse non tutti sanno che per ristrutturare il bagno ci sono diverse tipologie di agevolazioni fiscali che si possono ottenere, in base alle esigenze e alle caratteristiche della propria casa, e sfruttare per un ottimo risparmio di spesa. Il bonus ristrutturazione è una delle principali agevolazioni fiscali a cui si può accedere per la ristrutturazione del bagno. Questo bonus consente di ottenere una detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute per la ristrutturazione.
Se poi si effettuano lavori di adeguamento dello spazio per l’eliminazione delle barriere architettoniche, è possibile richiedere il bonus di “accessibilità”, con possibilità di detrarre l’IRPEF del 75% delle spese sostenute per la realizzazione di tali interventi, e favorire la mobilità interna soprattutto per chi ha disabilità motorie o sensoriali.
E poi ci sono gli ecobonus 65% oltre alle agevolazioni fiscali e i bonus per la ristrutturazione casa, incentivi economici notevoli, validi chiaramente anche sull’intero immobile e sono un modo intelligente per ridurre i costi della ristrutturazione e migliorare il comfort della propria abitazione.

7. Scegli il partner giusto per ristrutturare il bagno: RG2 Costruzioni 

Però, un ultimo consiglio, che possa racchiudere i sei precedenti in realtà c’è: affidarsi a professionisti con esperienza del settore, come RG2 Costruzioni, in grado di garantirti una ristrutturazione del bagno all’altezza delle tue aspettative e con la massima cura e attenzione verso il tuo massimo risparmio.
L’azienda, forte di un’esperienza pluriennale nel campo delle costruzioni, si contraddistingue per la qualità del servizio offerto, l’efficienza e l’affidabilità, ed è nota per l’attenzione alle esigenze di stile di ogni cliente e per la possibilità di offrire sempre soluzioni su misura, innovative e sostenibili.
Che tu stia pensando a un bagno moderno e tecnologico o a uno più classico e tradizionale, e se vivi a Catania o provincia, RG2 saprà ascoltare le tue idee e ti seguirà in ogni fase delle tue ristrutturazioni, dalla progettazione alla realizzazione, assicurandoti un risultato finale impeccabile di ristrutturazione. Se vuoi dare un nuovo volto al tuo bagno, non esitare a contattare RG2 Costruzioni. Per maggiori informazioni, visita il sito web contatta direttamente il team per un preventivo gratuito.

TI È PIACIUTO? CONDIVIDILO:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email

Approfondisci leggendo anche: